Vanoli Cremona vs Dinamo Sassari | Conferenza Stampa presso il match sponsor Keropetrol

In attesa della prima partita al PalaRadi della stagione 23/24 in programma domenica 8 ottobre alle 17:30 tra la Vanoli Basket Cremona e la Dinamo Sassari, coach Demis Cavina ha presentato l’incontro accompagnato da Giovanni Distefano, GM Keropetrol, e Francesco Pinardi, CEO Ekomobil.

In questa occasione è stato annunciato anche il match sponsor di giornata, Keropetrol, che nella giornata di domenica sarà presente in diversi momenti con attivazioni e giochi per il pubblico.

«Sono molto contento di ribadire anche quest’anno che Keropetrol è accanto alla Vanoli che ritorna in Serie A; siamo molto fieri di essere a fianco della Vanoli e abbiamo fiducia che sarà un grandissimo campionato» ha detto Giovanni Distefano.

Coach Demis Cavina ha poi introdotto il match contro Sassari:

«Ringrazio Keropetrol per l’ospitalità e per questa partnership storica. Sarà l’esordio in campionato e per noi sarà l’esordio assoluto perché in questa stagione non abbiamo ancora giocato partite al PalaRadi, quindi sarà molto emozionante. Abbiamo tutti nelle orecchie il calore del pubblico dell’ultima partita giocata a Cremona. Dobbiamo ripartire da quel calore, da quell’energia; voglia ed emozione devono alimentarci perché sarà un esordio importante per il pubblico e per la piazza, anche per il valore della partita perché vogliamo riscattarci dopo Trento e trasformare tutto quello che stiamo facendo durante la settimana. Per farlo avremo bisogno di tutte queste emozioni.»

A Trento sono state spese tante energie, la squadra come sta?

«La squadra sta abbastanza bene. Zegarowski è l’unico giocatore monitorato ma non desta preoccupazione: è normale dopo tanta inattività tornare sul parquet, fare una partita ufficiale di quell’intensità e soprattutto allenarsi ai nostri ritmi. L’aspetto emotivo è predominante: ora è presto, come chimica di squadra dobbiamo migliorare e lo sappiamo. La squadra ha tanta voglia e in questo senso abbiamo lavorato per mantenere quest’energia per domenica. Dobbiamo ripeterci dal punto di vista offensivo e migliorare tantissimo dal punto di vista difensivo. Abbiamo rivisto la partita e sappiamo quali sono state le pecche soprattutto iniziali contro Trento, ma sono certo che l’esperienza maturata ci aiuterà: questa squadra ha bisogno di fare esperienza in campo e sono certo che la squadra migliorerà»

C’è tensione per l’esordio al PalaRadi?

«Non è questione di tensione, non ne do mai una lettura positiva. Dal punto di vista emotivo è stato un approccio particolare e penso che sia mancata l’esperienza. Non dimentichiamoci che siamo una squadra con poco vissuto in questo campionato ma abbiamo tutte le qualità per rimanere e fare sempre meglio. Sono certo che tanti giocatori alla prima esperienza avranno davanti a sé una grande carriera e quindi dobbiamo cercare anche come staff di agevolare la “rottura” del ghiaccio dei giocatori»

Che cosa manca per raggiungere questo equilibrio?

«Penso che sia l’aspetto difensivo, il rendersi conto cosa serve, riuscire a fare le cose al momento giusto, cose che sono mancate nell’approccio di Trento e che verranno solo col tempo. La responsabilità è dello staff di accorciare questo processo di consapevolezza. Penso che giocare aiuti e sarà già meglio nella prossima partita»

Cosa ti preoccupa di una squadra come Sassari?

«L’aspetto tecnico tattico passa in secondo piano. Sassari ha grande qualità, ha avuto un precampionato difficile con infortuni ma l’aspetto emotivo è quello che mi preoccupa di più anche da parte loro. Vengono da una brutta sconfitta casalinga e conoscendo l’esperienza di coach Bucchi e le qualità del suo staff e dei giocatori che ha a disposizione sarà per loro una prova di rilancio. Al di là dell’aspetto tecnico-tattico, penso che sia l’aspetto emotivo quello più importante. Si giocherà sul piano nervoso come tutte le partite di campionato. Le squadre devono ancora acquisire meccanismi e conoscersi, l’aspetto emotivo conta tanto e in questo momento è l’aspetto principale. Penso che le squadre cominceranno a far vedere le loro vere qualità tra un mese; la componente emotiva sarà la più importante»

Coach Cavina è un ex della partita avendo allenato Sassari per due volte, dal 2007 al 2009 e nel 2021.

«Quando penso a Sassari penso a una delle mie tante seconde case. La seconda esperienza è stata più breve rispetto ai primi 2 anni fantastici, ma ho mantenuto grandissime amicizie, ho tanta stima della società e di chi la compone. Bello ritrovare persone con cui hai condiviso in tempi diversi tanti momenti belli ed è certamente un prepartita particolare. Ovviamente vicino alla partita si pensa solo alla gara, ma se penso a Sassari è sempre un piacere, l’ho vissuto bei momenti anche non positivi ma sempre momenti di crescita»

La partita contro Sassari sarà anche l’esordio casalingo di fronte al pubblico cremonese: «Le aspettative e gli attestati che abbiamo ricevuto in questi mesi si trasformeranno in energia positiva al palazzetto. So che ci sarà una bella atmosfera, sicuro. Non ho più aggettivi anche per chi ci ha seguito a Trento e per tutti quelli che hanno seguito nel cammino dello scorso anno. C’è tantissima fiducia che è un sentimento diverso dell’aggressività di un tifo e questo lo sentiamo. Se si trasformerà anche domenica penso che ci sarà un bel clima e sono certo che i nostri tifosi ci spingeranno»

Il video integrale della Conferenza Stampa: https://youtu.be/8ikwSYVggnE

Vanoli Basket Cremona

La Vanoli Basket Cremona è da più di vent’anni il principale punto di riferimento per la pallacanestro in città e provincia.

Una scalata ai vertici del movimento cestistico nazionale iniziata da Soresina nel 1996 e consolidatasi nel corso del tempo a Cremona con la promozione il 7 giugno 2009 in serie A, categoria disputata per tredici stagioni consecutive e culminata con la conquista della Coppa Italia 2019.

News Recenti

SEASON 24/25: TAJION JONES
SEASON 24/25: FEDERICO ZAMPINI
Comunicato della società | Simone Zanotti
SEASON 24/25: LUCA CONTI
SEASON 24/25: FEDERICO POSER