Finali Playoff, presentata presso l’Oleificio Zucchi la serie con la Pallacanestro Forlì 2.015

Si è svolta oggi all’Oleificio Zucchi, presso la sala meeting della Cantina dell’Olio – una moderna struttura di stoccaggio in grado di conservare circa 5.976 tons di olio extravergine di oliva – la conferenza stampa di presentazione delle Finali Playoff di Serie A2 Old Wild West 2023, Tabellone Oro. L’ultimo atto del campionato vedrà impegnata la Vanoli Cremona con l’Unieuro Forlì e avrà inizio mercoledì 14 giugno alle ore 20.45 in terra romagnola.

Per la Vanoli è intervenuto per primo il General Manager Andrea Conti: “Un doveroso ringraziamento va a Giovanni Zucchi e all’Oleificio Zucchi per il grande supporto, non solo di sponsorizzazione ma anche sugli spalti, da appassionati veri. Non voglio parlare della finale ma voglio solo dire che ci ritroviamo qui dopo quasi dieci mesi, dopo una stagione incredibile e super positiva, con due trofei conquistati e una squadra di grande valore che ha sopperito a mille difficoltà. Sono super contento e lo è anche il Presidente Aldo Vanoli di cui porto il saluto. Questa finale deve essere un premio per quello che abbiamo fatto”.

A fare gli onori di casa l’Amministratore Delegato Giovanni Zucchi: “Negli ultimi anni non abbiamo mai fatto mancare il nostro supporto, culminato con la gioia condivisa in occasione della vittoria della Supercoppa LNP 2022 di A2 con Oleificio Zucchi come sponsor di maglia. Noi e la Vanoli condividiamo valori importanti come il sostegno al territorio, la promozione di stili di vita sani e la determinazione nel raggiungere gli obiettivi prefissati. Obiettivi che, nel nostro caso, sono legati ad un approccio sempre più sostenibile dell’agire imprenditoriale per il bene di tutta la filiera. Quindi, in prossimità di quest’ultimo appuntamento stagionale – conclude Giovanni Zucchi – faccio un grande in bocca al lupo e mi congratulo con tutto il club, a partire dal presidente Aldo Vanoli, per aver saputo portare ancora una volta la nostra realtà tra i protagonisti della pallacanestro nazionale”.

A seguire è stato poi coach Demis Cavina a presentare la serie finale: “Non è mai facile ripartire, ottenendo risultati, dopo una retrocessione ma questa stagione è stata una stagione incredibile sia in campo che fuori dal campo. In campo ci siamo guadagnati la finale, una finale che arriva in un momento per noi emotivamente importante, perché siamo pronti e siamo carichi. Arriva dopo una stagione che, al di là di tutto quello che c’è successo e che è stato detto di noi, è stata importante a livello di numeri e di risultati. Questa finale arriva anche nel momento in cui riusciamo a vederci ancora tutti in palestra. È vero che non sappiamo ancora quando e quanto giocherà Lacey ma la cosa importante è che in palestra ci siamo tutti quanti. Questa è una cosa positiva perché il segreto di tutti i risultati che abbiamo fin qui ottenuto è stato proprio il gruppo. Penso che questo gruppo meriti questa finale. Chiaramente abbiamo di fronte un avversario di grande qualità e valore ma abbiamo tutta la voglia di giocarci anche questa finale con le giuste motivazioni e la giusta voglia di vincere. Fin da inizio anno non ci siamo mai nascosti e non abbiamo mai nascosto le nostre ambizioni. Essere ambiziosi non significa essere più forti degli altri. Non penso anche che sia mai stato un problema, durante l’anno, se un giocatore giocasse o meno. Non l’abbiamo mai detto. Vorrei che tutto questo venga tenuto in considerazione anche in occasione di queste finali, perché ci siamo imposti questo tipo di atteggiamento e di fare questo tipo di lavoro fin dall’inizio. Ai fini dell’emotività e delle ambizioni della squadra, vorrei che tutto quello che è stato quest’anno fosse riconosciuto anche in finale.

Forlì è certamente una squadra che ha una grande identità, ha giocatori di esperienza ma anche giocatori che potranno giocare nelle prossime stagioni a livello superiore. Incontriamo un’ottima squadra in un contesto di pubblico importante. La nostra squadra ha però già dimostrato di poter vincere anche in campi difficili e anche da questo punto di vista siamo pronti. Penso che la nostra qualità più importante sia che questo gruppo ha sempre trovato energie al suo interno e ha sempre lavorato con una intensità pazzesca, soprattutto nei momenti di difficoltà. Questo ha sempre pagato perché abbiamo sempre trovato al nostro interno le risposte. Anche a livello tecnico abbiamo avuto, durante la stagione, un upgrade incredibile grazie anche alla qualità e disponibilità di ognuno a fare anche qualcosa di diverso”.

Hanno poi preso la parola il capitano biancoblù Andrea Pecchia e il vicecapitano Lorenzo Caroti.

Andrea Pecchia: “La partita che abbiamo vinto a Forlì è stata molto complicata. Siamo stati avanti per quasi tutta la gara ma abbiamo subito il loro parziale nel terzo quarto, facendo poi noi un contro break nell’ultimo periodo. Sappiamo ovviamente che il valore di Forlì è molto alto. È una squadra che non perde da molte partite. Però la nostra forza è che ci stiamo concentrando su noi stessi. Sappiamo il nostro valore e abbiamo ancora voglia di dimostrarlo. Dopo la fine della serie con Bologna avremmo voluto giocare subito il giorno dopo ma i due giorni di riposo e gli allenamenti che abbiamo potuto fare ci hanno aiutato ancora di più a fissare alcuni dettagli e a recuperare le energie per farci trovare pronti”.

Lorenzo Caroti: “Stiamo bene, anche se questa pausa è stata un po’ “pesante” perché quando finisci una semifinale non vedi l’ora di iniziare subito la finale. Però è stata certamente utile. L’atmosfera in spogliatoio è buona come lo è stata durante tutto l’anno. Siamo tutti diversissimi caratterialmente ma stiamo bene insieme e quando siamo in campo lavoriamo forte per raggiungere gli obiettivi. L’ambizione ci ha portato, fin qui, a vincere quello che abbiamo vinto. Ora dobbiamo solo dare il massimo e godercela. Non capita spesso, infatti, di giocare una finale e quindi godersela e dare il 100% può essere una delle chiavi principali. Siamo arrivati qui grazie alla serietà e all’impegno messi in campo durante tutto l’anno e ora non vediamo l’ora di giocare”.

Demis Cavina, Giovanni Zucchi, Lorenzo Caroti, Andrea Pecchia

Vanoli Basket Cremona

La Vanoli Basket Cremona è da più di vent’anni il principale punto di riferimento per la pallacanestro in città e provincia.

Una scalata ai vertici del movimento cestistico nazionale iniziata da Soresina nel 1996 e consolidatasi nel corso del tempo a Cremona con la promozione il 7 giugno 2009 in serie A, categoria disputata per tredici stagioni consecutive e culminata con la conquista della Coppa Italia 2019.

News Recenti

Primo evento Pink Day: un successo al centro commerciale Cremona Po
La Vanoli Basket Cremona vince il Marketing Project of the Year 2024!
Vanoli PINK DAY: il progetto Cremona Pink ti aspetta!
Vanoli Practice Day: allenati insieme a noi!
Season 24/25: Demis Cavina